La procedura domestica

Anche per il 2017 è aperto il procedimento domestico di voluntary per le sole violazioni nazionali a cui possono accedere tutti i contribuenti comprese le società di capitali (art. 73 Tuir) ed i soggetti che si sono avvalsi della procedura internazionale. Alla voluntary domestica si applicano le medesime cause di esclusione previste per la voluntary internazionale. 

Il legislatore permette a coloro che hanno aderito alla voluntary Internazionale di aderire anche alla procedura nazionale (e viceversa). Questo dovutamente al fatto che le attività che hanno formato oggetto della violazione fiscale del quadro RW (elenco pag. 6) potrebbero essere collegabili (o connesse) direttamente o indirettamente ad altri soggetti (persone fisiche, enti non commerciali e società semplici) che hanno beneficiato di quelle attività (es: finanziamento soci). In tal senso, ipotesi in cui gli attivi esteri detenuti da persone fisiche enti non commerciali o società semplici siano originati da evasioni nazionali, la procedura domestica rappresenta una procedura di mero completamento della voluntary internazionale.

Diversamente, se e solamente se le evasioni fiscali non hanno avuto alcuna proiezione internazionale, la procedura nazionale rappresenta una procedura autonoma.

La procedura nazionale è attivabile anche per sanare casi di esterovestizione di società non residenti la cui sede è fittiziamente localizzata all’estero ma la sede di direzione effettiva o l’oggetto sociale sono da individuarsi in Italia, ed anche regolarizzare attività commerciali frutto di stabile organizzazione occulta.


Studio Lupini srl
Via Don Rosmini, 4
21052 Busto Arsizio (VA) IT
MAIL: info@studiolupini.it
P.IVA: 03611190129
© 2020 Studio Lupini srl. All Rights Reserved. Powered by Studio Lupini
Studio Lupini