SCAMBIO DI INFORMAZIONI CON “LISTE SO.NO.RE.”

Comunicato Stampa dell’Agenzia delle Entrate del 3 Marzo 2017

Lotta contro il tempo al fine di evitare accertamenti salati per i contribuenti che hanno trasferito la residenza in paesi a fiscalità privilegiata a decorrere dal 1.1.2010.

Per costoro, il rischio “accertamento” è confermato !! Pertanto, la notifica di un accesso, ispezione, verifica fiscale (anche a seguito di una richiesta di gruppo) sarà causa ostativa per l’adesione alla procedura “voluntary disclosure bis”, con il conseguente effetto sfavorevole, quello di perdere tutti i benefici della riduzione delle sanzioni in procedura Voluntary Disclosure 2017.

Infatti, ieri l’Agenzia delle Entrate, ha confermato che saranno attuati nuovi controlli su patrimoni e redditi esteri (sfuggiti dal “monitoraggio fiscale”) per i soggetti che, a decorrere dal 1.1.2010, hanno trasferito la residenza in paesi a fiscalità privilegiata di cui al D.M. 4 maggio 1999 (la Svizzera è ancora nelle Black List per le persone fisiche).

Il comunicato stampa è chiaro !! L’alert che legittima l’Autorità competente (Agenzia delle Entrate) ad utilizzare lo strumento di scambio di informazioni (richieste di “gruppo” o “individuali”) potrebbe già provenire dalle banche dati dell’anagrafe tributaria e questo potrà accendere i fari sui soggetti che non hanno ancora aderito alla Voluntary Disclosure del 2015 e della Voluntary Disclosure Bis.

Precisiamo che nelle liste selettive (introdotte dalla Legge 193/2016), i “so.no.re.” saranno aggregati in gruppi e valutati attraverso criteri ed elementi indiziari di “presunzione di residenza” e “permanenza sul territorio Italiano”.

Come infatti suggerito anche dalle linee guida del progetto BEPS dell’OCSE (Action 7) in ambito di stabile organizzazione personale, la “sostanza” vuole che prevalga sulla “forma” nel diritto tributario internazionale.

In conclusione, riguardo alla Svizzera, l’Agenzia delle Entrate non bada a ciance e va sul concreto, indipendentemente dal fatto che i soggetti che hanno trasferito la residenza fiscale in Svizzera sono muniti di regolare Permesso B (in quanto assunti a tempo indeterminato dalla società da loro medesimi creata).

Il contribuente che ha trasferito la residenza all’estero e mantiene intestazione di contratti di utenze attive (elettriche, gas, telefoniche), intestazione di proprietà e disponibilità di veicoli, anche per mezzo della “fiduciaria” è sintomatico di una permanenza sul territorio.

Le liste selettive considereranno anche i legami affettivi, i parenti del nucleo familiare residenti in Italia e la titolarità di P.Iva in Italia, quali criteri di formazione delle liste “SO.NO.RE.” le quali daranno corso allo scambio di informazioni su richiesta con apertura di accertamento fiscale e rischi conseguenti (maggiorazione delle sanzioni, misure coercitive di blocco, sequestri preventivi etc…).


© 2020 Studio Lupini srl. All Rights Reserved. Powered by Studio Lupini
Studio Lupini